Cos’è la partita IVA

La partita IVA è un codice di 11 cifre che identifica univocamente un’impresa o un lavoratore autonomo. Questi numeri rimarranno gli stessi finché l’attività rimarrà aperta. La partita IVA ha la funzione di registrare la propria attività presso l’ufficio delle imposte in modo che possa essere sempre identificata con questo codice. Vediamo insieme alcune informazioni utili.

Partita IVA: quando averla?

L’apertura della partita IVA è necessaria per le attività di lavoro autonomo organizzato ed è caratterizzata da abitualità, continuità e professionalità. Nel caso di svolgimento di un’attività come quella di un e-commerce, è sempre necessario aprire una partita IVA, poiché la vendita via Internet si configura come un’attività regolare e continuativa. Ci sono anche casi in cui non è necessario perché le attività sono svolte in modo sporadico, senza continuità e senza una stabile organizzazione.

Per aprire una partita IVA è sufficiente compilare e presentare all’Agenzia delle Entrate il modello AA9/7 tramite all’ufficio delle imposte con alcuni documenti d’identificazione, oppure in modo telematico attraverso un apposito software scaricabile dal sito dell’Agenzia delle Entrate. L’apertura della partita IVA deve essere comunicata entro 30 giorni dall’evento.

Come scegliere?

Se hai dei dubbi sulla tua attività e non sai qual è la scelta migliore per la tua situazione; Fiscozen mette a disposizione una consulenza gratuita ad un consulente la tua situazione affinché possa consigliarti sulla scelta migliore da prendere.

Fiscozen, infatti, è un servizio online per la gestione della Partita IVA online.

Avrai a disposizione:

 

Per iniziare puoi prenotare la tua consulenza senza impegno dal seguente form.

La prima scelta per l’apertura di una partita IVA riguarda il codice ATECO da adottare.

Il codice ATECO è un numero costituito da 6 cifre e ha la funzione di identificare l’attività economica svolta. Questo codice va annotato sul modulo di partita IVA, quindi è necessario avere un’idea molto chiara delle attività che verranno svolte. La scelta del codice ATECO, oltre ad indicare all’Agenzia delle Entrate le attività legate alla propria partita IVA, è fondamentale per determinare anche il regime fiscale, se forfettario oppure ordinario.

Partita IVA: obblighi da rispettare

 

I principali fissi sono i seguenti:

I principali costi variabili possono essere individuati nelle seguenti voci di spesa:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *